Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Per l'isolamento termico è meglio il cappotto interno o esterno? Scopri le due diverse modalità d’intervento, le loro caratteristiche e i loro vantaggi
cappotto interno o esterno

Per ottimizzare l’isolamento termico di un’abitazione il cappotto termico è utile a ridurre in maniera sensibile il consumo energetico e alleggerire i costi della bolletta. Rende la casa più calda d’inverno, permettendo di risparmiare sui costi del riscaldamento, e più fresca d’estate, portando al risparmio sui costi di raffreddamento.

Esistono due tipologie di cappotti termici, quello interno e quello esterno, soluzioni differenti ma ugualmente efficaci. Analizziamo di seguito queste due diverse modalità d’intervento, valutando anche i loro vantaggi, per rispondere poi alla domanda: è meglio scegliere il cappotto interno o esterno?

Cappotto interno: quali sono le caratteristiche e i vantaggi?

L’isolamento termico interno si realizza applicando un rivestimento coibente sulle superfici interne delle pareti. Viene adottato quando non è possibile intervenire all’esterno né nell’intercapedine.

Il cappotto interno è consigliato per gli appartamenti all’interno di un condominio. Spesso viene realizzato in caso di riqualificazione energetica di edifici già esistenti. Rispetto al cappotto termico esterno, il cappotto interno è solitamente più economico, più semplice da realizzare e richiede tempi di posa e realizzazione più brevi.

I pannelli termici applicati alle pareti interne hanno uno spessore molto ridotto. Tuttavia non è sempre possibile rivestire tutti i vani della casa; ad esempio le pareti dietro la cucina o gli armadi sono difficili da isolare.

I vantaggi del cappotto termico interno

Sono diversi i vantaggi che si ottengono dalla realizzazione di un cappotto termico interno:

  • Miglioramento del comfort abitativo della propria casa. Questo, infatti, permette di generare un notevole risparmio sulle bollette sia nei mesi caldi sia in quelli freddi.
  • Isolamento acustico delle stanze in cui viene applicato il cappotto termico interno. Proprio questa ultima caratteristica renderà la casa decisamente più silenziosa, evitando quindi fastidiosi rumori provenienti dall’esterno.
  • Ottenimento di una migliorata dispersione energetica.
  • Riduzione degli effetti negativi dovuti agli improvvisi sbalzi di temperatura come la comparsa di muffa e di condensa.

Cappotto esterno: quali sono le caratteristiche e i vantaggi?

Tra gli interventi di sicuro affidamento utili a creare un isolamento sia termico sia acustico si colloca la costruzione di un cappotto esterno. Applicato in genere negli edifici residenziali non eccessivamente estesi, il cappotto termico esterno migliora in maniera decisiva il microclima presente all’interno di un’abitazione in tutte le stagioni.

Solitamente, questo genere di intervento edile è consigliato nelle abitazioni singole, in quanto non è necessario alcun permesso condominiale. Tuttavia è possibile realizzare un cappotto esterno anche presso condomini ed edifici di dimensioni notevoli.

I vantaggi del cappotto termico esterno

La realizzazione di un cappotto termico esterno presenta vantaggi importanti:

  • Incremento del comfort abitativo. Una casa accogliente deve poter essere ospitale tutti i giorni dell’anno e non solamente nelle giornate primaverili o autunnali. La soluzione è mantenere al meglio il livello della temperatura all’interno dell’abitazione. In inverno il cappotto esterno protegge l’involucro edilizio impedendo al freddo di penetrare nelle pareti. Nei mesi più caldi il calore non penetra all’interno della casa e l’abitazione si mantiene fresca per diverso tempo.
  • Eliminazione dei ponti termici e il rischio di condensazione superficiale, grazie alla presenza di una superficie isolante continua.
  • Eliminazione della formazione di muffa e di umidità, proprio grazie alla riduzione dei ponti termici.
  • Risparmio energetico. Un intervento di questi tipo infatti porterà sicuramente un risparmio in bolletta tale da ottenere, nel giro di qualche anno, un completo ritorno sull’investimento effettuato.

Quale cappotto termico conviene fare: interno o esterno?

Dunque, a questo punto ti chiederai: è meglio il capotto termico interno o esterno? La risposta è semplice: il cappotto termico esterno.

Il cappotto esterno offre prestazioni sicuramente migliori e per più tempo, dovute proprio alla riduzione dei ponti termici. Certo, richiede costi maggiori e tempi più lunghi, tuttavia offre una riqualificazione energetica migliore: il tuo investimento verrà ripagato nel tempo, con l’eliminazione dei fenomeni di muffe e condense e il notevole risparmio sui costi di raffrescamento e riscaldamento.

Al contrario del cappotto interno, inoltre, il cappotto termico esterno non prevede la riduzione degli spazi interni, poiché costruito direttamente sulle mura perimetrali fuori dall’abitazione. Se la tua casa è piccola, questo comporta un notevole vantaggio.

L’isolamento con cappotto termico interno può essere una soluzione ottimale per chi abita in condominio, mentre per chi possiede una villetta indipendente consigliamo il cappotto termico esterno. Ogni singolo caso va comunque analizzato e studiato in base alle specifiche e ai risultati da ottenere, perciò ti consigliamo di rivolgerti a un’impresa edile affidabile per i lavori.

Tutti i prodotti necessari per il cappotto termico: te li forniamo noi!

Casaplast è venditore di prodotti per l’edilizia, compresi i pannelli isolanti e le vernici per il cappotto termico. Proponiamo un pacchetto per cappotto termico con materiali efficienti e in grado di garantire prestazioni elevate.

Cerca nel sito
Scegli il tuo colore

Carica la foto della tua stanza o di una parete esterna e guarda come sarà con il colore dei tuoi sogni!

Articoli recenti